Archivio

Archivio Maggio 2016

Come ho conosciuto Luigi Tenco

18 Maggio 2016 Commenti chiusi
Estate del 1965. Al Circolo Ricreativo 
del mio paese risuonavano ancora le canzoni dell'ultimo Festival di 
Sanremo che qualcuno ballava nell'angusto corridoio dove era 
piazzato 
il Juke-box .
A causa della mia innata timidezza non osavo chiedere un 
ballo. 
A 14 anni non si hanno, neanche, tante monete per le tasche.
Per ascoltare tre canzoni occorrevano 100 lire. Per una, invece, ne 
bastavano 50.
Da qualche giorno c'era una ragazzina alta e bionda nei 
miei pensieri. Una che non avrei mai avuto il coraggio di avvicinare, 
della quale non conoscevo il nome, ma alla quale potevo, idealmente, 
dedicare una canzone. 
Restava solo da scegliere il titolo del mio 
primo vinile da gettonare. Un titolo che non fosse generico. Un titolo 
che parlasse proprio di lei, di......"Angela".
Alcuni mesi dopo venni a 
sapere che quella ragazzina, in realtà, si chiamava Daniela, ma poco 
importava ormai, perché io avevo scoperto Luigi Tenco.
Ricordo che 
volli ascoltare anche il lato B di quel disco per il titolo 
particolarmente accattivante: "mi sono innamorato di te".
Un amore 
platonico, dunque, mi ha fatto incontrare Tenco.
Quando Luigi ci lasciò 
acquistai i suoi dischi pur non avendo la possibilità di ascoltarli. In 
casa mia c'erano pochi soldi ed un giradischi era considerato un
bene 
effimero.
Un mio amico, comunque, mi invitava, talvolta, a casa sua e 
mi metteva a disposizione il suo tempo ed i suoi mezzi. Non ci mise 
molto ad innamorarsi, anche lui, di quella voce, di quelle musiche.
Di 
Luigi conservo, impresse nella mente, alcune immagini della sua ultima 
volta, a Sanremo. Mi dispiace di non averlo conosciuto di persona. 
Avremmo potuto, assieme, cacciare le streghe a sassate.

http://www.ilmioregno.it

Massimo Ciaponi

			
Categorie:Argomenti vari Tag:

Un disco “unico” di Luigi Tenco

2 Maggio 2016 Commenti chiusi
Categorie:Argomenti vari Tag: